Unione dei Teatri Svizzeri (UTS)

immagine dello spettacolo

Fondata nel 1920, l'Unione dei Teatri Svizzeri (UTS) è l'organizzazione mantello dei teatri istituzionali svizzeri. Ne fanno parte oltre 30 teatri di tutto il Paese. Il Teatro Sociale Bellinzona nel 2019 è stato il primo teatro ticinese ad essere stato accolto nell'UTS: un importante segno di riconoscimento per il lavoro svolto in questi anni e un ulteriore passo nella concretizzazione del nostro progetto di un teatro svizzero di lingua italiana. Il Teatro Sociale Bellinzona fa pure parte del Comitato dell'UTS, dove è rappresentato dal direttore Gianfranco Helbling.
Le 30 istituzioni aderenti all'UTS danno lavoro a 5'500 persone e organizzano 7'000 eventi all'anno che sono frequentati da 1,5 milioni di spettatori. Ne fanno parte i più importanti teatri del Paese, come l'Opernhaus e lo Schauspielhaus di Zurigo, il Theater Basel, il Konzert Theater Bern, il Grand Théâtre de Genève, il Théâtre Vidy Lausanne o l'Opera di Losanna, ma anche strutture più piccole come il Kurtheater Baden, lo Stadttheater Langenthal o il Théâtre AmStramGram. Il Teatro Sociale Bellinzona è oggi la più piccola struttura appartenente all'UTS.
L’Unione dei Teatri Svizzeri UTS dà voce al teatro svizzero nei confronti della politica e dell’economia e si impegna affinché tutti i suoi membri beneficino di buone condizioni quadro per la produzione teatrale. Tutela la diversità culturale dei teatri svizzeri, promuove lo scambio tra i suoi membri e li aiuta a risolvere problemi che non sono in grado di affrontare singolarmente. Per lo svolgimento delle sue attività, l’Unione dei Teatri Svizzeri riceve un contributo annuale dall’Ufficio federale della cultura (UFC).
Link al sito dell'UTS: https://www.theaterschweiz.ch/?lang=fr