Olocene

Olocene
Giov, 04/06/2020 - 20:45
Ven, 05/06/2020 - 20:45
Sab, 06/06/2020 - 20:45
Mer, 10/06/2020 - 20:45
Giov, 11/06/2020 - 20:45
Ven, 12/06/2020 - 20:45

di Max Frisch
con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira
adattamento teatrale Flavio Stroppini e Monica De Benedictis
regia Flavio Stroppini
allestimento NucleoMeccanico.com
musiche originali Andrea Manzoni
sound e light design Alexander Budd
produttore Gianfranco Helbling
produzione Teatro Sociale Bellinzona - Bellinzona Teatro in coproduzione con Nucleomeccanico.com, 2020
internet www.teatrosociale.ch | www.nucleomeccanico.com

Lo spettacolo ha luogo al nuovo Teatro di Giubiasco (via Rompeda)

5 e 11 giugno dopo lo spettacolo incontro con la compagnia
PRIMA ASSOLUTA
Produzione Teatro Sociale Bellinzona

Prezzi: Fr. 28.-
In prevendita dal mese di febbraio 2020

 

Nella valle selvaggia in cui abita il signor Geiser - vedovo quasi settantaquattrenne di origini basilesi, protagonista de “L’uomo nell’Olocene” di Max Frisch - sembrano esistere solo la pioggia, le interruzioni di elettricità e l’atmosfera da fine del mondo. Anche lui finirà e se ne rende conto. Nella solitudine del suo eremo in Valle Onsernone il signor Geiser ha trovato nella memoria e nei libri in suo possesso le armi per resistere al tempo. La lotta è contro se stesso, contro l’erosione impietosa del suo corpo e della sua mente. Inizialmente legge, poi ritaglia, schizza, attacca fogli alle pareti; riempie lo spazio della sua casa di sapere, come se tutte quelle parole possano essere un esorcismo contro la morte. L’adattamento di Stroppini e De Benedictis parte dall’ineluttabile scomparsa del signor Geiser. La figlia Corinne torna in valle per svuotare la casa del padre. La donna si ritrova così nel museo della conoscenza del genitore; disorientata, cerca di trovare un legame tra quell’accozzaglia di informazioni. Ne esce una messinscena che è una veglia al padre e al mondo che ci ritroviamo a vivere oggi, così fragile ed esposto alle intemperie che l’uomo stesso ha provocato. Con questa nuova produzione il Teatro Sociale Bellinzona inaugura la sala del Teatro di Giubiasco. Una regia e un cast tutti bellinzonesi per uno spazio all’avanguardia destinato a diventare un punto di riferimento per l’intera Città!