Io sono Nijinsky

Io sono Nijinsky
Ven, 19/11/2021 - 20:45
Con il sostegno di: 

 

liberamente tratto dai diari della stella dei Balletti Russi
di e con Daniele Bernardi 
partire dall’opera di Vaslav Nijinsky
scene e oggetti scenici Ledwina Costantini
costumi Luisa Beeli
tessuto sonoro Ledwina Costantini
voce fuori campo Raissa Avilés
assistente Elisa Pagliaro
collaborazione artistica Opera Retablo
consulenza Kantoratelier Firenze
produzione Daniele Bernardi, 2021

PRIMA ASSOLUTA
Età indicata dai 16 anni

Prezzi: tariffa C
Acquista i biglietti

San Moritz, inverno 1918-1919. Da un anno e mezzo trasferitosi in Svizzera in attesa che la guerra finisca, il ballerino Vaslav Nijinsky comincia a dare segni di squilibrio. Anche se non sono chiare le cause del male, più eventi sembrano concorrere al suo manifestarsi e uno sembra assumere un ruolo particolarmente simbolico: la notizia della morte del fratello, malato di nervi fin dall’infanzia. Così, mentre il paesaggio elvetico si imbianca, Nijinsky prende a comportarsi in modo incomprensibile gettando una piccola comunità nel caos. E nel farlo redige febbrilmente un celebre diario che sarà pubblicato solo in un secondo momento. Dopo “Io, Pierre Rivière, avendo sgozzato mia madre, mia sorella e mio fratello...”, presentato al Teatro Sociale Bellinzona nel 2017, Daniele Bernardi si ripresenta con un lavoro personale nel quale, proseguendo la sua ricerca nei territori della follia, si dedica alla dolorosa figura del “Dio della danza” proprio attraverso una personale elaborazione del diario di Nijinsky.